Apri il menu del sito

Schengen: la Berna federale di nuovo sorda agli appelli dal Ticino

 

Schengen: la Berna federale di nuovo sorda agli appelli dal Ticino

La Commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-CN) ha “bocciato senza appello” – titolano i media - la petizione, corredata di ca. 5'500 firme, depositata dal sottoscritto in nome dell’UDC Ticino lo scorso 21 febbraio, con la quale si chiede di denunciare l’accordo di Schengen per porre fine alla libera circolazione dei criminali.

 

Maggiori informazioni

SÌ alla sicurezza e alla prosperità

SÌ alla sicurezza e alla prosperità

Se un equipaggiamento moderno viene rifiutato al nostro esercito, ciò equivale di fatto a un’abolizione dell’esercito occulta e progressiva. Ed è esattamente ciò che vogliono gli antimilitaristi.
La votazione sul Gripen è quindi solo una facciata. In realtà, la questione è a sapere se vogliamo o no un esercito atto ad adempiere le sue missioni. Dobbiamo decidere se il nostro paese deve mantenere la capacità di difendere anche in futuro la nostra sicurezza e la nostra sovranità. O, altrimenti detto, bisogna scegliere fra affermarsi o arrendersi.
A lungo termine, tutto dipende da ciò che più conta per noi: la nostra libertà, la nostra qualità di vita, ma anche la nostra prosperità.

di Ueli Maurer, consigliere federale

Maggiori informazioni

Ultime News

18.04.2014 - Deposito testo iniziativa "Prima i nostri!"
Mercoledì 23 aprile 2014, alle ore 14.00, l'UDC Ticino depositerà presso la Cancelleria dello Stato a Bell..
16.04.2014 - Nessuna concessione da parte svizzera inerente ai negoziati per il legame istituzionale con l’UE
Secondo diversi resoconti dei media di oggi, i diplomatici dell’UE non hanno ancora dato il via libera a un mandat..
16.04.2014 - Erasmus+: chiudere un costoso self-service
Il Consiglio federale ha presentato oggi una soluzione di transizione e alternativa che permette l’associazione co..
16.04.2014 - Schengen: la Berna federale di nuovo sorda agli appelli dal Ticino
La Commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-CN) ha “bocciato senza appello” – titol..
15.04.2014 - L'uguaglianza nella scuola non vada a scapito del merito!
Oggi, il Gran Consiglio ticinese si esprimerà sull'iniziativa parlamentare generica presentata dai Verdi per l'ab..
11.04.2014 - La proposta dell’Unione svizzera degli imprenditori non è compatibile con la Costituzione federale
La proposta pubblicata oggi dall’Unione svizzera degli imprenditori concernente l’applicazione dell’in..
10.04.2014 - Interrogazione - Ungulati: eterno problema
Premesse 1. Il problema dei danni provocati dagli ungulati alle viti e ad altre colture nel nostro Cantone è n..

Nessuna concessione da parte svizzera inerente ai negoziati per il legame istituzionale con l’UE

 

Secondo diversi resoconti dei media, i diplomatici dell’UE non hanno ancora dato il via libera a un mandato negoziale sulle questioni istituzionali con la Svizzera. Ciò non dovrebbe disturbare la Confederazione, perché è l’UE che auspica tale accordo che obbligherebbe la Svizzera alla ripresa dinamica del diritto UE e alla subordinazione alla giurisdizione UE. L’UDC combatterà con tutti i mezzi a sua disposizione un legame istituzionale che equivarrebbe a una subdola adesione della Svizzera all’UE.

Maggiori informazioni

Gripen: un’evoluzione necessaria

Così come è obbligatorio sostituire un’automobile per lasciare spazio a un nuovo modello più sicuro e tecnologico, e che rispetti anche i parametri di legge, è altrettanto necessario investire in questi nuovi caccia militari.

Maggiori informazioni